“Napoli dorme e…sogna”

    “Esistono nel cuore luoghi inimmaginabili chiusi da gabbie ferree che rappresentano la nostra paura d’essere felici, ma basta uno sguardo, una carezza o un bacio per aprire le sbarre ad una nuova emozione.” Era tutto buio, lì, alle tredici discese di S. Antonio. Napoli dormiva sotto un cielo di stelle fioche e osservava il golfo nella sua silenziosa … Continua a leggere

Una persona speciale

    Di te ricorderò tante cose. Anche se solo per un piccolo periodo, hai cambiato la mia vita ma soprattutto mi hai resa felice. Mi hai trasmesso la tua voglia di vivere, mi ha donato più di una volta un sorriso quando credevo che fossi rimasta sola al mondo, mi hai aiutata a crescere e a capire dov’è che … Continua a leggere

La stanza

  Ne avevo perso la chiave, o meglio, era da qualche parte nella grande casa. Poi, l’ho trovata ed ho aperto la stanza. Lo sapevo quello che ci trovavo: fantasia e polvere degli anni. Vecchi libri con tecniche sorpassate di cui, all’epoca, conoscevo anche le virgole. Era malinconica Giada quel giorno, per questo era entrata nella stanza della sua adolescenza, … Continua a leggere

Ti guardo dormire

Ti guardo dormire. Nell’ombra ciascuno appare per quello che è: la notte, un corpo stanco che dorme, ignorando che il mondo continua a girare, e il cuore continua a battere, il sangue a pulsare nelle vene. Sogni, forse. Ciascuno sogna, ma chissà come di quei sogni gran parte delle volte non rimane memoria, e allora sì è come se quella … Continua a leggere

Storia dell’ Amore

      Raccontano che un giorno si riunirono in un luogo della Terra tutti i sentimenti e le qualità degli uomini. Quando la NOIA si fu presentata per la terza volta, la PAZZIA come sempre un po’ folle propose:”Giochiamo a nascondino!”. L’ INTERESSE alzò un sopracciglio e la CURIOSITA’ senza potersi contenere chiese: “A nascondino? Di che si tratta?” … Continua a leggere

L’ombra

      Su per le colline, lontano dalle case, oltre i limti del paese, fuori degli ultimi casolari dell’abitato, superate le cascine e gli orti, ai margini dei campi coltivati, fra i boschi ombreggianti recanti frescura, la gente sapeva che si aggirava un ombra d’amante, che non faceva paura, ma recava con sé passioni, ardori, pulsazioni. In mezzo agli … Continua a leggere

Mon Chery

Mon Chery Corso Vittorio Emanuele è una bella via per un centro città: soleggiata, alberata con delle pittoresche querce secolari e ombrose che adornano i giardini dei controviali. Ai lati palazzoni signorili, portici lussuosi, boutiques chic, ristoranti annoverati sulle guide michelin, un negozio di forniture militari che forse stona un po’, ma varia. E’ orientata nord-sud: a nord sta Piazza … Continua a leggere

Tornerò

Tornerò Il nostro è un rapporto a distanza, non lo augurerei a nessuno. Non mi sono assolutamente pentita della mia scelta, anzi, la rifarei altre mille volte. E’ solo che, in certi momenti in cui hai bisogno di sentire il contatto vero e proprio, quello che va oltre le lettere e le interminabili telefonate, lui è assente. Ci siamo messi … Continua a leggere

LA FAVOLA DI MARISA

     L’abito da sposa sistemato sul divano, le scarpe della cerimonia a portata di letto, la lista degli invitati riletta per l’ennesima volta. Ormai era davvero tutto pronto. Tra poche ore avrebbe realizzato il sogno di sempre.  Gli accessori utili erano tutti lì, pronti ad essere esibiti, indossati, insieme ad un padre al culmine della sua soddisfazione e a una … Continua a leggere

L’amore sotto la luna

Alessio entrò nell’ampia sala della “Ballerina”, il locale notturno che apriva allo scoccare della mezzanotte e chiudeva alle sei del mattino, quando a poche centinaia di metri la città si svegliava per riprendere una vita diversa, fatta di luce, di sole e si quotidianità. Il locale era frequentato in maniera abbastanza ristretta, dando all’atmosfera un tocco d’intimità, con altri paraventi … Continua a leggere